Loading...
Home2018-03-20T09:44:00+00:00

La Storia
del Birrificio d’Ogliastra

Dicono che un bar sia solo un bar.
Ma chiunque ne abbia frequentato uno sa bene che non è così.
Ogni bar ha una storia, o tante storie da raccontare.
Piccoli mondi che ogni giorno si incrociano, con in mano un bicchiere di birra e nel cuore un sogno.

E un sogno sta alla base anche di questo progetto che affonda le sue radici in una storia di tanti anni fa.

Il giorno in cui un giovane ragazzo si ritrova quasi per caso a varcare la soglia del suo primo birrificio.
Non uno qualsiasi, bensì il Birrificio Pedavena.
A distanza di anni ricorda ancora quell’odore dolciastro che gli invase le narici durante la visita al laboratorio, e quella prima sensazione di aver varcato la soglia di un mondo meraviglioso.
sebbene all’epoca non se ne rendesse conto, galeotto fu l’incontro con quel luogo che avrebbe cambiato definitivamente la sua intera vita.
Grazie a una profonda amicizia con alcune persone del posto (in particolare Anna ed Ezio) entrò in contatto con Fiorenzo, il birraio in pensione che più di tutti contribuirà a incrementare la sua curiosità, inducendolo a conoscere più a fondo quello che già amava bere: la birra!

Nasce così la sua passione per la birra artigianale. Da allora non si è più fermata. Anche quando la vita e il lavoro lo portano lontano da casa e in giro per l’Italia, e il suo grande interesse per la birra sembrava solo un sogno da accantonare perché si sa, la realtà è un’altra cosa!
Ma un sogno, quando è così forte, non resta di certo chiuso in un cassetto tra i calzini e i maglioni dismessi, invece continuava a rimbombargli in testa e a bussare alla sua porta ogni giorno. Come quando in un supermercato la direzione era, ed è sempre, quella verso il reparto birre, a passare in rassegna ogni etichetta, a leggere gli ingredienti, a sperimentare nuovi sapori. Proseguivano le ricerche su internet e sui libri, i corsi, la fissazione per il listino delle birre nei locali o le fiere birraie da preferire il fine settimana a una giornata al mare.
La scintilla ormai era scattata e tra le mura di casa, complici gli amici più che disposti a fare da cavie, iniziano le sperimentazioni, il collaudo delle ricette, le giornate a costruire serpentine e a modificare i classici kit da homebrewer.
Il tutto sempre sotto la guida attenta e i consigli del mitico Fiorenzo, un vero punto di riferimento dell’intero percorso.
Inizia così la storia del Birrificio d’Ogliastra, nata dalla decisione di buttarsi nell’avventura della produzione della birra artigianale e dalla voglia di tornare a casa e provare a costruire il proprio futuro ripartendo da qui: un piccolo birrificio artigianale a Baunei. Perché l’amore incondizionato per questa terra è qualcosa che chi non è nato o cresciuto in Sardegna non è davvero in grado di capire.
Te lo porti dentro tutta la vita. È così per i numerosi sardi costretti a scappare dalla propria isola, troppo, o troppo poco coraggiosi per restarci che sanno fin troppo bene quanto è forte e magico il richiamo della propria terra.
Se poi oltre ad essere sardo sei pure baunese capite bene che il richiamo di casa diventa ancora più forte.
il Birrificio d’Ogliastra nasce anche da questo: dal coraggio di Mattia di ripartire da qui, dalla sua terra che profuma di ginepro e lecci, di mare azzurro, acque di un blu che non si può spiegare a parole e di spiagge bianche.
Chi conosce i baunesi sa bene inoltre che l’amore per la birra è una costante che accomuna molti dei suoi abitanti, quasi quanto l’aria fresca che si respira ai piedi del supramonte.
Non è così raro incontrare i visi rugosi e vispi dei numerosi anziani che affollano le vie del paese, intenti a discutere animatamente con in mano un bicchiere di birra.
Che oltre al buon cibo e all’aria genuina sia forse questo il segreto della longevità che molti ci invidiano? Una risposta certa per ora non la avremo, ma per sicurezza il vero baunese non rinuncerebbe mai a una buona birra.
Forse questa è solo una storia, e questo per qualcuno sarà solo un birrificio, come la Sardegna solo un’isola. Un’isola tra le tante, in una terra che troppo spesso si è trovata costretta a difendersi dai pregiudizi, dalla sua fama non sempre errata di banditi e pastori.

Di certo si sa che quel sogno ora ha un nome. Si chiama Birrificio d’Ogliastra.

Le Nostre Birre

Le Nostre Birre

Goloritzè

Avete presente quando vi buttate in acqua dopo una giornata di sole?
Birra Goloritzé è proprio questo, un tuffo rinfrescante come le acque limpide da cui prende il nome.
Una kölsch tedesca, non filtrata, non pastorizzata e rifermentata in bottiglia.
Di colore giallo dorato e dalla schiuma compatta e persistente.
Il lievito le conferisce un gusto leggermente fruttato ma pulito, mentre i luppoli nobili tedeschi danno un piacevole e fresco aroma floreale.
Ottima come aperitivo e da abbinare a piatti freschi ed estivi.
Ingredienti: acqua, malto d’orzo, luppolo, lievito.
  • Stile: Kölsch (alta fermentazione tedesca)

  • Alcool: 5.2 % vol

  • Amaro: 25 IBU

  • Colore: 8 EBC

Rocce Rosse

Avete mai visto la meraviglia delle onde che si infrangono sugli scogli?
La birra Rocce Rosse è proprio questo, una mareggiata d’inverno lungo la scogliera di Arbatax, il granito rosso da cui prende il nome.
Una bitter in stile inglese, non filtrata, non pastorizzata e rifermentata in bottiglia.
Di colore ambrato e caratterizzata da un abbondante schiuma.
I malti scuri le conferiscono note caramellate e tostate, accompagnate dall’aroma erbaceo e leggermente speziato tipico dei luppoli inglesi e da un finale amaro ed equilibrato.
Da abbinare ad arrosti di carne e formaggi freschi.
Ingredienti: acqua, malto d’orzo, luppolo, lievito.
  • Stile: Bitter (alta fermentazione inglese)

  • Alcool: 5.0 % vol

  • Amaro: 30 IBU

  • Colore: 23 EBC

Brewpub – Shop

Materiali dismessi e recuperati sono stati mescolati tra loro per trasformare un capannone in disuso in un accogliente brewpub in stile industriale.
Uno di quei posti magici, in cui perdersi tra la schiuma soffice delle sue gustose birre, piccolo e con le sedie colorate pronto ad ospitare qualcuno per qualche ora.
Al suo interno ampie vetrate consentono di affacciarsi sul laboratorio per osservare da vicino il lavoro del birraio.
Un posto accogliente, per trascorrere qualche ora in compagnia di una buona birra artigianale.